Dopo l’infinito cosa c’è, papà? Fare il padre navigando a vista

dopo-l-infinito-cosa-ce

“Chi sei, papà?” Un bel giorno capita che un figlio di sei anni faccia questa domanda disarmante, a suo modo imbarazzante.

Una domanda che, oggi soprattutto, coglie nel segno, mettendo a nudo una condizione: verrebbe la tentazione di liquidarla con quelle risposte evasive o distratte con cui spesso i grandi mascherano la loro inadeguatezza.

Ma un papà come Stefano Zecchi non si sottrae così facilmente alla sfida.
Ne fa invece il punto di partenza di una riflessione sincera sul suo ruolo di “giovane padre che ha un po’ di anni in più della media dei padri giovani” e, in generale, sulla crisi della figura paterna nella nostra società.

Senza scrivere un saggio di sociologia o psicopedagogia, ma semplicemente raccontando la sua esperienza personale, il rapporto quotidiano con il figlio.
L’inserimento all’asilo e a scuola, i giochi, le passeggiate alla scoperta della natura e della città, le curiosità infantili riguardo al mondo circostante, i primi confronti con la vita scandiscono così le tappe di un percorso che, dalla constatazione di una decadenza dell’immagine paterna, sempre più debole ed evanescente, conduce alla possibilità di un suo riscatto.

  • Autore: Neil Gaiman
  • Editore: Mondadori
  • Data pubblicazione: 2014
  • Pagine: 149
  • Prezzo di copertina: € 16,00

Se ti piace puoi condividerlo su:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*