Chiara Gobbo

Qualche domanda per conoscere meglio l’illustratrice Chiara Gobbo.

PRESENTAZIONE
Nasco nel 1979 a Chieri (To) e vivo a San Mauro Torinese (To).
Fin da bambina dimostro una spiccata propensione per il disegno, che con il passare degli anni si trasforma in passione e professione a tempo pieno.
Ho pubblicato con diverse case editrici italiane e ottenuto vari riconoscimenti in concorsi di illustrazione nazionali e internazionali.
Parallelamente all’illustrazione porto avanti una ricerca nell’ambito della pittura, intesa come strumento attraverso il quale esprimere emozioni e stati d’animo. Potete visionare qualche mio lavoro sui blog chiaragobbo.blogspot.com (progetti editoriali) e chiaragobbo2.blospot.com ( di tutto un pò..).

INTERVISTA
1. come hai cominciato ad illustrare libri per bambini/ragazzi?

Il mio percorso verso l’illustrazione di libri per bambini è stato graduale: ho cominciato lavorando nell’ambito dell’illustrazione scolastica, inizialmente coloravo disegni creati da altri. Parallelamente ho sempre portato avanti una ricerca personale per quanto riguarda l’utilizzo di tecniche pittoriche, più adatte per gli albi illustrati, e mi esercitavo interpretando le fiabe classiche.

2. come nascono le illustrazioni?

Le mie illustrazioni nascono in modo abbastanza “impulsivo”: mentre leggo il testo si creano già nella mia mente delle immagini e si delineano le caratteristiche dell’eventuale protagonista. Poi disegno delle bozze molto approssimative di come potrebbe essere lo sviluppo sequenziale delle tavole; infine procedo con il colore, aggiungendo o togliendo particolari man mano che il lavoro procede: ogni tavola è una ricerca, un continuo dialogo con me stessa. Spesso mi stupisco nel vedere come l’illustrazione finita non coincida con l’immagine che inizialmente avevo in mente…..ma proprio questo è ciò che mi diverte!

3. il tuo primo libro?

“Io sono un bambino, io sono una bambina” edito da De Agostini nel 2007, testo di Roberta Giommi

4. l’ultimo libro?

“Il lupo? Pace fatta!” edito da Nerodichina nel Novembre 2010, testo di Anna Baccelliere. Altri progetti sono in cantiere…ma è ancora tutto top-secret!

5. cosa bolle in pentola?

Va bene…..posso anticipare che sto lavorando su favole molto belle, tra le quali “Il gigante egoista” di Oscar Wilde.

6. il libro che hai nel cuore illustrato da te?

“Io, nonno Carlo e la paura” edito da Lavieri nell’Ottobre del 2010, testo di Anna Baccelliere. Sono molto affezionata a questo libro perchè è stato il primo albo vero e proprio pubblicato e perchè è stata la prima grande conquista del duetto Baccelliere-Gobbo. Anna è un’autrice fantastica.

7. il libro che hai nel cuore illustrato da altri?

Adoro “Greta la Matta”, Carll Cneut – De Kockere Geert, Adelphi Edizioni, 2005

8. cosa stai leggendo, anche non per bambini?

Sto leggendo per la seconda volta “Il Maestro e Margherita” di Michail Bulgakov.

9. cosa ti piace di più dell’essere illustratore?

E’ bellissimo poter lavorare utilizzando la fantasia e la creatività.

10. cosa non deve mai mancare in un libro per bambini/ragazzi?

Forse l’ironia

11. un pensiero sugli ebook?
Premetto che non sono appassionata di tecnologia, e proprio per questo non sono al passo con i tempi…Penso che la bellezza del libro cartaceo e il piacere che se ne ricava leggendolo risiedano anche nella consistenza e nell’ odore della carta, nel poter usare i segnalibri, nel riporlo insieme ad altri libri sui ripiani della libreria….con l’ebook si viene a perdere tutto ciò.

Sito web:
chiaragobbo.blogspot.com

Se ti piace puoi condividerlo su:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*